Jump to content

Cosa stai leggendo? - consigli e recensioni


Recommended Posts

  • Game Master
Proprio ora, absolute ha detto:

Non ho capito, vuoi fare la lista dei libri citati in questa discussione? In tal caso sarebbe bello averla nel primo post. Se invece vogliamo fare un gruppo di lettura come proponevo nel link, per prossime letture (magari da segnalare anche qui in questa) direi di aprirne un'altra.

No intendevo di fare la mia lista personale 😂

Link to post
Share on other sites
  • Replies 121
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il quinto giorno - Frank  Schatzing   Sto leggendo questo libro da 8 anni.. il che è per me un record XD  Mi piaceva l'idea di leggere di una natura in lotta contro l'abuso dell'um

Norwegian Wood l'ho trovato molto furbo, è il classico libro che non si discosta troppo dallo stile dell'autore ma ammicca alla grande massa per tematiche e situazioni drammatiche trattate. Di sicuro

Io lessi il primo e l'ultimo libro. Il primo lo trovai troppo infantile, l'ultimo era di sicuro avvincente, vista l'azione e comunque le aspettative della conclusione della saga, però ammetto che aven

Posted Images

Ah, io uso anobii per quello. Comunque io farei una discussione a parte o solo tua (quindi volendo c'è anche la sezione blog) o una discussione che vale per tutti dove però tieni aggiornato solo un post con la tua lista personale e gli altri possono fare altrettanto. Ma a quel punto "vieterei" i commenti lì, dove andrebbero solo le liste. Comunque non la farei qui che diventa dispersivo.

Link to post
Share on other sites
  • 3 months later...
Proprio ora, Dream` ha detto:

:111:

Anch’io! Tu a che punto sei? D:

Che coincidenza:scettico:

Spoiler

Sono al punto in cui il club dei perdenti è tornato a Derry dopo 27 anni e hanno pranzato insieme per capire costa sta succedendo in città e cosa fare per risolvere la nuova serie di omicidi 

 

Link to post
Share on other sites
Proprio ora, Jace ha detto:

Che coincidenza:scettico:

  Spoiler

 

Spoiler

Io sono a pag. 400 circa, l’ultima cosa che ricordo è l’episodio del cinema con Ben, Beverly e Richie. 

Spoiler

Ci metterò un’eternità per finirlo.

 

 

Link to post
Share on other sites
Proprio ora, Dream` ha detto:
  Nascondi Spoiler

Io sono a pag. 400 circa, l’ultima cosa che ricordo è l’episodio del cinema con Ben, Beverly e Richie. 

  Nascondi Spoiler

Ci metterò un’eternità per finirlo.

 

 

Spoiler

Io a pag. 600, sto leggendo circa 30 pagine al giorno (il max che riesco a dedicargli)  perché vorrei finirlo in tempo per l'uscita al cinema del secondo capitolo. Il primo non lo vidi, ma visto che una mia amica sta organizzando una comitiva per andare a vederlo, ho deciso di recuperare l'opera originale

Spoiler

A fine libro poi farò una mini recensione, comunque sto amando la struttura narrativa e adoro lo stile di King (questo è il primo suo libro che leggo) 

 

 

Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Jace ha detto:
  Nascondi Spoiler

Io a pag. 600, sto leggendo circa 30 pagine al giorno (il max che riesco a dedicargli)  perché vorrei finirlo in tempo per l'uscita al cinema del secondo capitolo. Il primo non lo vidi, ma visto che una mia amica sta organizzando una comitiva per andare a vederlo, ho deciso di recuperare l'opera originale

  Spoiler

 

 

Spoiler

Anch’io lo sto leggendo velocemente per la seconda parte, lol. Ho già visto la miniserie ma temo di averla rimossa... mentre la prima parte mi è piaciuta moltissimo. Comunque nemmeno io avevo letto altro di King (oltre a The Body, che non è un romanzo). Approvo.

 

Link to post
Share on other sites
  • 6 months later...
  • 1 year later...
1637598379189henry_david_thoreau_walden_

Henry David Thoreau - Walden o vita nei boschi. Edizione integrale
Walden (1854)


Liberamente, Brezzo di Bedero, 2020
traduzione di Lorenzo Bianco
13,5x19,5 cm, 335 pp.
ISBN 978-88-6311-414-0


Testimonianza di una scelta di vita compiuta al di fuori di ogni schema, Walden o vita nei boschi è l'affascinante resoconto, redatto in uno stile che sta tra il saggio e il diario, dei due anni di soggiorno solitario che Thoreau trascorse in una foresta del New England. Da quest'opera - la più famosa fra quelle composte dallo scrittore americano - continuano ancor oggi a trarre ispirazione i pacifisti di ogni tendenza, i cultori d'ogni sorta di anticonformismo, gli alfieri dell'ecologia, della resistenza passiva, della disobbedienza civile, della non-violenza. Libro di culto per intere generazioni, Walden è uno dei documenti più significativi dello spirito, delle tendenze e dell'originalità stilistica che vivificano la letteratura americana nel periodo che precede immediatamente la guerra di Secessione.

 

 

Adoro la figura di Thoreau, la sento molto vicina a me per via della filosofia di vita e del modo di pensare, perciò ho voluto tenere questo volume come ultimo, a concludere la lettura della sua bibliografia, essendo quello più acclamato e discusso. Insomma, volevo chiudere col botto! Ebbene, ho amato e divorato gli altri suoi scritti ma questo mi sta risultando davvero, davvero pesante. Non l'avrei mai pensato! Ci sono sopra da mesi, oramai; voglio finirlo perché si tratta pur sempre di Thoreau ma non si sta rivelando affatto una lettura piacevole.

 

 

Link to post
Share on other sites

Ce l'ho in lista da anni ma non ho mai avuto il coraggio di leggerlo proprio perché mi sembrava molto ostico. Ne ho sentito molto parlare ma non conosco nulla di Thoreau, forse non è il miglior titolo da cui iniziare, eventualmente cosa consiglieresti?

 

Io sono un po' in pausa lettura, infatti volevo andare avanti col progetto gruppo di lettura qui sul forum ma vedo poca gente interessata, se ti va dacci uno sguardo che magari ci dai lo stimolo per riprendere.

 

Comunque ho da poco riascoltato Ma Che Cosa È Quest'amore di Achille Campanile. Lo avevo già letto e ho ascoltato una lettura integrale a più voci curata dalla Rai davvero ben fatta, mi è piaciuto e mi sono divertito come se fosse stata la prima lettura. Lo consiglio vivamente, ma deve piacere il genere.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, absolute ha scritto:

Ce l'ho in lista da anni ma non ho mai avuto il coraggio di leggerlo proprio perché mi sembrava molto ostico. Ne ho sentito molto parlare ma non conosco nulla di Thoreau, forse non è il miglior titolo da cui iniziare, eventualmente cosa consiglieresti?

Esatto: posso confermare che Walden o vita nei boschi non sia il titolo più adatto di Thoreau dal quale partire. Certo vi si trovano perle che racchiudono appieno la filosofia e la personalità di Thoreau ma sono incastonate in mezzo a noiosi calcoli di investimenti rurali, comparazioni morfologiche di terreni e divagazioni che per lo più non ho trovato stimolanti. Personalmente ti consiglierei di partire da Disobbedienza civile, forse il secondo titolo più conosciuto dopo Walden; e anche Vita senza principi è un buon volume che mi sentirei di consigliare. Sono entrambi libricini piccolini. Se poi rimarrai affascinato dalle idee dell'autore, ti consiglio anche Thoreau. Vivere una vita filosofica di Michel Onfray, altro autore, quest'ultimo, che vorrei approfondire.

 

P.S. per un assaggio di Thoreau, ho iniziato a riportare qualche citazione nel thread apposito a partire da questo post! ;-) 

 

1 ora fa, absolute ha scritto:

Io sono un po' in pausa lettura, infatti volevo andare avanti col progetto gruppo di lettura qui sul forum ma vedo poca gente interessata, se ti va dacci uno sguardo che magari ci dai lo stimolo per riprendere.

Ti ringrazio per l'invito ma purtroppo la mia è una lettura molto lenta, composta quasi esclusivamente da saggi, e fatico a leggere qualcosa che non rientri nelle mie corde; mi peserebbe parecchio e non vivrei felicemente l'attività. E sono convinto che ogni libro abbia il proprio predestinato momento per essere letto; iniziare a leggere un libro stabilito a tavolino rovinerebbe quella magia attrattiva che sento quando sono chiamato a iniziare qualcosa di nuovo. Però posso tenere sott'occhio il thread e vedere che cosa capiterà in futuro. ;-) 

 

Edited by ZecK_Hartia
Aggiunto link a thread citazioni
Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...
16405430624329788869200847.jpg

La notte del presepe vivente


Davide La Rosa (storia), Federico Rossi Edrighi (disegni)
Star Comics, 2015
144 pp., 6,00 €

ISBN 9788869200847


Laglio è il paese che amo. Qui ho le mie radici, le mie... ehm, forse come inizio non è dei migliori. Ricominciamo. Laglio è un paesino sulle rive del Lago di Como (sì, è il paese in cui vive George Clooney). Un paese come tanti, con un prete, molti anziani e pochi giovani. Uno di questi giovani è Abaco, ventiduenne studente di Astronomia in quel di Bologna. Sì, il nome Abaco esiste perché l'ho trovato su internet. Comunque, come ogni studente fuori sede, Abaco torna al suo paese per le vacanze di Natale. È la notte della Vigilia e tutti sono a Messa. Tutti meno Abaco, che assisterà a un evento capace di sconvolgere la vita del tranquillo borgo. Infatti, la caduta di un meteorite radioattivo trasformerà il presepe a grandezza naturale, in uno spaventoso ed orripilante presepe vivente. P.S.: nella storia non ci sarà George Clooney (per ovvi motivi).

 

 

Mi porto dietro questo volume oramai da 8 anni, è quasi diventato parte di una tradizione: ogni anno lo riesumo, mi riprometto di leggerlo nel periodo natalizio, lo espongo persino ai miei occhi collocandolo in punti strategici della casa dove possa notarlo, e ricordarmi di leggerlo. Ma, infine, non le leggo mai. Quest'anno ho finalmente interrotto questo loop!
Storiella carina con svariate citazioni alla letteratura, alla cinematografia e ai fumetti (evito volontariamente il termine "mondo nerd" perché non mi piace definirlo tale); simpatici i viaggi mentali che Abaco avvia anche nei momenti meni consoni a distaccarsi dalla propria realtà. Dichiaratamente di parte in tema religioso, che la sceneggiatura tenta di fare emergere contrastandolo al laico e sbeffeggiante protagonista. Buono anche il modo di salvarsi, sul finale, da una indecente chiusura!
Personalmente non amo lo stile dei disegni e non sono riuscito ad apprezzare l'evolversi della storia come avrei voluto. A un certo punto mi sono accorto che stavo leggendo le nuvolette senza nemmeno soffermarmi a inquadrare con gli occhi il comparto visivo dell'opera. Nessuna critica, sia mai; semplice gusto personale.

 

 

Link to post
Share on other sites

Io ho ripreso per la seconda volta IlMistero.doc di Matthew McIntosh, che avevo abbandonato per mancanza di tempo dovendolo riconsegnare in biblioteca. L'ho ripreso per le vacanze e penso di andare un po' avanti, ma è troppo voluminoso per riuscire a finirlo. Diciamo che me lo aspettavo più avvincente, si tratta sempre di letteratura ergodica ma per ora non regge neanche l'accostamento con Casa di Foglie. Vedremo.

 

Invece ho in ascolto l'audiolibro de La Cognizione del Dolore di Gadda, davvero bello, scritto benissimo e ho trovato anche una versione commentata da Sandro Lombardi molto interessante. Dovrò approfondire Gadda, avevo letto solo Quer Pasticciaccio de via Merulana, ma non avevo colto all'epoca la sua maestria con la lingua italiana.

Link to post
Share on other sites

Eheh, una lettura a puntate, un po' come avveniva in tempi remoti sulle strisce di giornale! :-P

 

Gadda è quello di In-A-Gadda-Da-Vida, vero?! :rockkk:

 

1640865615515keep_your_hands_off_eizouke

Keep your hands off Eizouken! vol. 1

(映像研には手を出すな! 1) (Eizouken ni wa Te wo Dasuna! 1)


Sumito Oowara (storia, disegni), Marco Franca (traduzione)
158 pp., Star Comics, 2021
14,5x21 cm, b/n, 6,50 €

brossurato, sovracoperta con alette

ISBN 9788822626165


Midori Asakusa sogna di realizzare un anime, ma da sola non riesce a fare il primo passo. Tutto cambia quando incontra Tsubame Mizusaki, una modella influencer che frequenta il suo stesso anno di liceo, e scopre che anche lei sogna di diventare un’animatrice. Con l’aggiunta della scaltra Sayaka Kanamori, un’amica spilungona che ambisce solo a far soldi, inizia l’implacabile avanzata delle tre esuberanti ragazze per creare il “mondo definitivo”!

 

 

La sinossi, così come gli onirici scenari rappresentati nelle copertine, mi hanno attirato ad acquistare questo primo volume. Come si dice bene, anche per i libri, "l'abito non fa il monaco"! Tutto sommato viene raffigurato quanto descritto nel testo di presentazione, e nei frequenti momenti duranti i quali le tre protagoniste si catapultano nella loro immaginazione, che si ingloba e sovrappone alla realtà, per sfuggire ma al contempo risolvere i problemi della realtà, è piacevole estraniarsi con loro in queste fantasie, quasi come se il lettore divenisse un quarto protagonista. Almeno per me che sono un eterno sognatore a occhi aperti come loro, vengo trascinato facilmente! Però... però eccetto questa particolarità tutto il resto rimane piatto, quasi noioso. Ho letto il primo volume in tre tranche, segno che riusciva ad attrarmi come quei volumi che si fanno divorare in un'unica lettura. Temo dropperò, dando piuttosto un'opportunità alla versione anime. La mancanza del colore e di un'animazione, in una storia che parla proprio di animazione, credo incidano.

 

 

Edited by ZecK_Hartia
Link to post
Share on other sites
16391298283829788895437897.jpg

Edmondo De Amicis - L'ultimo amico


Caravaggio Editore, Vasto, 2019
a cura di Enrico De Luca
13x20 cm, 62 pp.
ISBN 978-88-95437-89-7


L'ultimo amico è un racconto poco noto di Edmondo De Amicis. Concepito negli ultimi anni della sua vita, dopo le dolorose perdite della madre e del figlio ventenne, morto suicida, e in seguito alla separazione dalla moglie, è incentrato sul rapporto fra l'ormai anziano scrittore e Dick, il suo cane. De Amicis descrive il superamento dei suoi stessi pregiudizi mediante la convivenza con un essere che si rivela dotato di elevate capacità intellettive e affettive, al punto da essere considerato l'ultimo vero amico, colui che gli viene in aiuto in un periodo straordinariamente buio e difficile. Nella presente edizione annotata, curata da Enrico De Luca, sono state segnalate tutte le varianti fra la prima versione del testo (1900) e quella del 1905 che rappresenta l'ultima volontà dell'autore.

 

 

Pur nonostante le esili dimensioni del volume, De Amicis riesce a portarci un'opera riflessiva sulle osservazioni del rapporto con quello che definisce il suo ultimo amico, il proprio cagnolino Dick, che in una sorta di monologo espresso ad alta voce sembra ascoltare i ragionamenti dell'autore adagiato sulle sue ginocchia! Scritto in un periodo vicino al termine della vita - non ci è dato sapere per chi dei due finirà prima ma certo De Amicis s'interroga e pondera anche su ciò! -, colmo di eventi drammatici per l'autore - la morte della cara madre, la separazione dalla moglie e, infine, il suicidio immotivato del figlio ventenne -, questo libro è un'ode al rapporto di fedeltà che si può creare con l'essere che per tradizione è a tutti gli effetti il migliore amico dell'uomo, e De Amicis dimostra che tale modo di dire è in effetti veritiero! Salvato da questa amicizia sincera e contraccambiata, può salvare anche noi lettori facendoci riflettere sul nostro rapporto con gli animali. In particolare mi ha colpito il passo in cui deduce di quanta libertà li stiamo privando nel momento in cui pensiamo di fare loro del bene quando in verità stiamo solamente obbligandoli ad adattarsi ai vizi e ai difetti umani. Concezione non scontata che nemmeno nella nostra quotidianità riesce a insinuarsi nelle nostre menti.

 

 

16411168976319788891254542.jpg

6000 Rokusen - Gli abissi della follia vol. 3
(6000―ロクセン― 3) (6000 3)


Nokuto Koike (storia, disegni), Manuela Capriati (traduzione)
176 pp., Planet Manga, apr. 2014
13x18 cm, b/n, 6,50
brossurato, sovracoperta con alette
ISBN 9788891254542


Nell'impianto sottomarino "Cofdeece" si sono verificati inspiegabili incidenti. Viene perciò deciso il temporaneo ritorno in superficie della squadra di tecnici e operai. Durante l'evacuazione, però, qualcosa attacca Kengo Kadokura... Che cosa sta succedendo a 6000 metri di profondità? E cosa hanno scatenato nel buio coloro che in precedenza hanno abitato l'impianto?

 

 

Inizia a farsi più chiaro chi o cosa si celi dietro al mistero del Cofdeece e pagheranno tale scoperta sulla propria pelle! Come in tutti i misteri, quando si scopre l'elemento celato, quell'alone che avvolge l'ignoto viene a mancare, ma certo nulla è ancora concluso, anzi, la situazione peggiora ulteriormente e pare sempre più improbabile una risalita in superficie! Manca un solo volume alla conclusione e, anche per via di ciò, non mi aspetto nulla di buono!

 

Edited by ZecK_Hartia
Link to post
Share on other sites
16417439258626000_rokusen_4.jpg

6000 Rokusen - Gli abissi della follia vol. 4
(6000―ロクセン― 4) (6000 4)


Nokuto Koike (storia, disegni), Manuela Capriati (traduzione)
208 pp., Planet Manga, mag. 2014
13x18 cm, b/n, 6,50
brossurato, sovracoperta con alette
ISBN 9788891254771


L'impianto sottomarino Cofdeece è stato costruito sul fondo del Mare delle Filippine. Questa enorme struttura a 6000 metri di profondità nell'oceano è stata chiusa in seguito a un misterioso incidente, ed è rimasta a lungo abbandonata negli abissi marini. Dopo tre anni, Kengo Kadokura insieme a un gruppo di tecnici e scienziati scendono nelle profondità per valutare la possibilità di rimessa in funzione del complesso, ma ben presto si verificano inspiegabili eventi. Alcuni uomini dello staff vengono posseduti da qualcosa, mentre la struttura, a causa di un guasto, rischia di essere schiacciata dalla pressione dell'acqua. Nel delirio della situazione, Kengo e gli altri scoprono che l'ascensore che porta in superficie è stato scollegato e che la loro fine, intrappolati a 6000 metri di profondità, sta per giungere. Intanto un crudele ed efferato dio degli abissi riemerge dal passato...

 

 

Un ultimo volume un po' affrettato, risulta evidente la corsa a dovere velocizzare il ritmo per giungere alla chiusura della storia. Diciamo che almeno un paio di volumi in più avrebbero permesso una gestione un po' più accurata e raffinata delle vicende. Si sarebbe persino potuta aumentare la suspance! Tutto sommato rimane un'opera ad alto potenziale (anche per un sequel!), che riesce a trasmettere la claustrofobia e l'ansia generata sia dal trovarsi a 6000 metri di profondità sia dagli strani avvenimenti che si susseguono. Anche i disegni sono degni di nota, tanto che voglio recuperare altre opere di Koike. Peccato sia così poco conosciuto, almeno in Italia.

 

Link to post
Share on other sites

Finito oggi (l'audilibro di) Il Mondo Nuovo di Aldous Huxley. Colpevolmente non l'avevo ancora letto nonostante fosse tra le letture in programma da quindici anni, dopo la lettura di 1984, visto che erano spesso accostati in quanto romanzi distopici. Molto interessante, diverso da come me lo aspettavo, solleva tematiche davvero avvincenti e non risente particolarmente del passaggio del tempo. 

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
1642935338607guida_galattica_per_dogsitt

Guida galattica per dogsitter


Virginia Salucci (storia, disegni)
208 pp., ManFont, apr. 2018
12,5x16,5 cm, b/n, 14,00 €
brossurato con alette
ISBN 9788899587543


"La passione per i cani e quella per i fumetti sono sempre andate a braccetto... fin da piccola, quando dovevo strappare i miei numeri di Rat-Man dalle grinfie dei miei animali! Perché non unire questi due strani mondi una volta per tutte?" Nasce così Guida galattica per Dogsitter, piccole pillole di vita per SOPRAVVIVERE ai cani!

 

 

Simpatico librettino ("ino" per il formato, che non mi aspettavo così piccolo, perché poi, invece, le pagine sono abbondanti in numero) che raccoglie le divertenti gag di una dogsitter e, in generale, della vita quotidiana condivisa con gli amici pelosi! Primo volume di quella che, a oggi, è diventata una serie di tre volumi grazie al successo ottenuto da Virginia Salucci, che sin da tenera età è cresciuta in una commistione di passioni che comprendevano l'essere attorniata dai fumetti e da compagni quadrupedi. Chi già vive con un cane troverà scene che oramai dà per scontate e abitudinali, qui messe "a nudo" da una mente che comprende il linguaggio canino, dal punto di vista cinofilo; chi invece ancora non è stato inondato dall'amore di un cane, questa è l'occasione per scoprire cosa si sta perdendo! :P 

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.