DVonTeese

Utente
  • Numero di messaggi

    2817
  • Lupus Points

    37 
  • Registrato

  • Ultima attività

Reputazione

620 Eccellente

6 Seguaci

A proposito di DVonTeese

  • Rank
    Vecchio Lupo

Ultimi Visitatori

1313 visite al profilo
  1. As the Gods Will

    Hahaha Shame on u andava al primo voto. Che dire, se al posto dei cuoricini ci fossero state merdine lo avrei dato un bel 5
  2. Lupus Transilvania

    presente ^^
  3. Legame tra opera e autore nelle arti

    A mio parere non si può prescindere dal fatto che le opere rispecchiano in qualche modo l' autore ci si dovrebbe chiedere anche magari per cosa si sta apprezzando l' opera pensando al film Il pianista sì, è un film bellissimo, e premiatissimo. Anche perchè tecnicamenre Polanski è molto bravo Ma è quello che si definisce un film storico, si origina da uno squarcio di storia drammatico quanto ci può essere dell' autore rispetto ai film di Ingmar Bergman? E' l' esempio che mi viene nell' immediato per dire che alla fine, come dice Inu non si conosce la vita degli artisti quindi le opere vanno godute a prescindere, ma non perchè sia giusto, è in qualche modo vincolato Molte opere esistono semplicemente perchè gli autori le ritengono esempi di bellezza, o perchè hanno bisogno di soldi Mef mi viene da pensare, rispetto a quello che dicevi del potere che si dà usufruendo dell' opera, che rientrano tanti meccanismi che hanno più a che fare col Dio Denaro che altro, ma dipende tanto dal caso Il conflitto nasce perchè se quell' autore ha per qualsiasi ragione violato quello che si ritiene un caposaldo, di fronte ad un suo prodotto la percezione e la valutazione è come se fossero sempre inficiate da ciò che ormai si sa E' un meccanismo della mente, fisiologico. Che però potrebbe limitare, perchè ci sono tanti esempi di opere bellissime, partorite da menti che per certi versi non ci appartengono Il legame c' è, quindi, ma trovo che la vita dell' autore non debba influenzare il riconoscimento, perchè non è solo per l' autore ma in parte, ed ha più valenza, è arricchimento per se stessi (ed è molto personale, così come l' autore ci può mettere poco o tanto di sè e non lo si può sapere)
  4. Madre!

    molto difficile rispondere (e ancora devo riprendermi dallo studio ) quindi ci penso un pò, ma è una questione interessante
  5. Ferro 3 - La casa vuota

    Mi riallaccio al discorso che accennai ad Abs prima della visione di questo film, che definii ironicamente una "romantica storia d' amore". Perchè in effetti, volendo, l' amore c' è anche ma, a mio parere, più come opportunità di evasione. Mi spiego meglio: il protagonista Tae-suk abita diverse case vuote e questa ricerca rappresenta in realtà il suo desiderio di trovare un identità, un' appartenenza, un porto sicuro dai tormenti interiori(una casa), ed incontra Sun-hwa che è praticamente imprigionata in una condizione di violenza e frustrazione Il silenzio straziante vuole esprimere proprio questo. L' incapacità di liberarsi. Che poi è un tratto caratteristico del regista valorizzare immagini forti o surreali a discapito dei dialoghi (ed è poi da considerare che il tema di violenza verso le donne appartiene già alla cultura orientale) Entrambi tentano di liberarsi, lui in carcere attraverso le tecniche di astrazione( alla Carla Fracci come diceva Crisa ) e lei in una delle scene che trovo più belle, quando da sola, nel periodo di prigionia, va a dormire nel salotto di sconosciuti. Ringrazia e se ne va. Le colonne sonore accompagnano perfettamente le scene sinuose (gusto tipicamente orientale che può non piacere) Questa per me era la seconda volta che lo vedevo, ed effettivamente molte cose mi erano sfuggite(altre non le ricordavo), in particolare la frase, alla fine "è difficile dire se il mondo in cui viviamo è sogno o realtà" perchè appunto entrambi si sono trovati a dover scegliere se vivere la vita che avevano o liberarsi. Scelgono di viversi a metà. Grazie alle tecniche di astrazione possono viversi come evasione, come reciproca appartenenza (ma non si liberano dai vincoli di questo mondo, almeno per me, resta comunque interpretabile) La scena della bilancia che indica lo zero è la rappresentazione di questo legame etereo, che sta tra la realtà e le loro menti E' per questo che in tutto questo casino, con tutte le case in cui hanno dormito, non si vede nemmeno l' accenno di un rapporto sessuale ( e qui penso a Bubi e mi dispiaccio sinceramente ) Quindi altro che amore, per me è messa in rilievo l' emarginazione di chi non si sente di questo mondo, e che cerca strade diverse per ritornare a sentire se stesso Voto 4, non perchè non meriti il massimo, ma perchè il regista ha prodotto lavori ancor più singolari
  6. RETROSCENA

    per tutte le volte che ci ha fatto buttare il sangue a capirlo perchè non giocava (eppure è tenero quando si incazza per il suo rogo ingiusto haha)
  7. [PF] Organizzazione partite

    passo per un pò ci vediamo più in là, Lollo. Ti lascio il tempo per farti crescere il pelo(:
  8. [Mercoledì] Cineforum

    Mh, in realtà lo diventa però in un' accezione poco classica. Poi è soggettivo ma al di là di tutto, senza voler spoilerare, a me ha fatto riflettere su ben altri aspetti che non hanno molto a che fare con l' amore. Se ci sarà occasione sarebbe interessante riparlarne Abs
  9. [Mercoledì] Cineforum

    ahah ero ironica Crisa! però te lo consiglio ugualmente(:
  10. [Mercoledì] Cineforum

    È una romantica storia d'amore
  11. Flash Manfri Master

    Grazie a tutti Grazie Manfri per la masterata Buona serata
  12. Flash Manfri Master

    Ahahhahaahah facevo solo l indemoniata
  13. Flash Manfri Master

    Basta! È già una flash, il topic è fatto per comunicare! Potevi farti capire meglio.
  14. Flash Manfri Master

    Vabbe Mario, vedi. Io ti ho chiesto di cazzeggiare di meno. Se continui su questa scia..Mario
  15. Flash Manfri Master

    Però Mario prima mi pareva affiatato con Minias rispetto alla conversazione sul veggente. Ora punti Franz. Ma che stai facendo? Il losco? XD